Quali sono i nuovi obiettivi di Starlink di Elon Musk?

Elon Musk e Jeff Bezos hanno degli obiettivi che, se raggiunti, potrebbero permettere di utilizzare internet ai quasi 3 miliardi di persone che non possono ancora farlo. Con le loro reti Starlink e Project Kuiper, i due miliardari sono in competizione per lanciare migliaia di piccoli satelliti che sfrecceranno in quella che è conosciuta come orbita terrestre bassa, in inglese low-Earth orbit (LEO) collegando luoghi che sono troppo remoti per la banda larga terrestre o che sono stati tagliati fuori da disastri naturali o conflitti.

Oltre a Starlink di Elon Musk e Project Kuiper, altri rivali si sono uniti a questo nuovo tipo di corsa allo spazio. Ma per conquistare l’orbita terrestre bassa i costi sono pesanti e le sfide potenzialmente pericolose.

I satelliti LEO

La maggior parte dei satelliti LEO orbitano da 500 chilometri a 2.000 chilometri sopra la superficie terrestre, quindi possono inviare dati a terra più rapidamente rispetto ai satelliti tradizionali. I sistemi in orbita alta hanno un ritardo medio del segnale, o latenza, di quasi 600 millisecondi per un viaggio di andata e ritorno, troppo lento per tecnologie come lo streaming video in diretta, le auto a guida autonoma e il commercio di titoli ad alta frequenza. Starlink mira a una latenza minima di 20 millisecondi.

Essendo più vicini alla Terra, i satelliti LEO vedono una parte più piccola della sua superficie e quindi ne servono di più.

Un nuovo tipo di corsa allo spazio

Starlink di Elon Musk non è la sola ad essersi precipitata nell’orbita terrestre bassa. I progressi tecnologici, i costi di lancio in calo e la crescente domanda di connettività in luoghi remoti hanno spinto altri a partecipare alla corsa allo spazio per paura di essere esclusi da una tecnologia futura cruciale.

I precedenti progetti LEO come Iridium, Globalstar e Orbcomm sono falliti. I progetti di oggi sono più fattibili poiché il costo dei lanci satellitari è crollato con l’introduzione di razzi più leggeri e riutilizzabili. Il Falcon 9 di SpaceX può inviare un satellite al costo di 2.600 dollari al chilogrammo, rispetto a circa 10.000 dollari di vent’anni fa.

Nell’aprile 2022, Amazon.com ha siglato il più grande accordo di lancio mai realizzato, inviando più di 3.000 satelliti per la sua rete. La Cina sta costruendo una costellazione LEO e le principali società satellitari e aerospaziali europee si sono unite per presentare un’offerta per un progetto satellitare da 6 miliardi di euro noto come IRIS², guidato dall’Unione Europea. Il presidente francese Emmanuel Macron ha affermato che la creazione di un’offerta satellitare europea che potrebbe rivaleggiare con Musk è una “questione di sovranità”. 

Entro la fine del decennio, potrebbero esserci più di 100.000 satelliti che sfrecciano attorno alla Terra, più di 20 volte il numero in funzione all’inizio del 2022. 

Starlink di Elon Musk – Lo svantaggio dei satelliti LEO

Poiché i satelliti si muovono velocemente, le collisioni sono più difficili da prevedere e possono essere devastanti. Un pezzo di detriti di 10 centimetri che viaggia in LEO può contenere circa la stessa energia di 7 chilogrammi di TNT, sufficiente a frantumare un satellite in migliaia di pezzi. I sistemi di rilevamento radar possono stimare la traiettoria di un satellite solo entro poche miglia poiché la radiazione solare e la resistenza atmosferica rendono i percorsi orbitali leggermente irregolari. 

L’orbita terrestre bassa è già utilizzata dai satelliti per l’osservazione del clima, per l’imaging della Terra e per scopi militari, nonché dalla Stazione Spaziale Internazionale. È anche disseminata di satelliti morti e pezzi vaganti di vecchi veicoli spaziali. C’è il timore che alcune collisioni possano trasformarsi in ulteriori disastri, creando nubi di detriti che renderanno interdette per secoli le orbite più utili. Esistono varie proposte per rimuovere la spazzatura spaziale. Ma costerebbero miliardi di dollari e i governi non possono decidere chi pagherà il conto.

In questo articolo abbiamo visto come Starlink di Elon Musk possa rivoluzione il prossimo futuro per miliardi di persone. Se vuoi essere aggiornato sulle news mondiali dei mercati, leggi sempre il nostro blog.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *