Cosa è successo al mercato delle crypto un anno dopo il crollo di FTX? Quali sono stati i risvolti relativi a questa situazione particolare? Non ci resta che approfondire questo discorso all’interno di questo articolo.

Per chi fa trading sulle crypto è difficile cancellare dalla memoria gli eventi di un anno fa, quando FTX ha congelato i prelievi. Quattro giorni dopo, l’exchange di Sam Bankman-Fried ha dichiarato bancarotta, inaugurando probabilmente i giorni più bui del settore.

Un anno dopo il crollo di FTX, il mercato delle criptovalute è irrevocabilmente cambiato. I day trader che usano un’abbondante leva finanziaria se ne sono per lo più andati. Lo stesso vale per le celebrità e gli influencer che vendono token e NFT. I regolatori stanno rafforzando la presa.

E le grandi società finanziarie come BlackRock si stanno muovendo, attratte dalla prospettiva che la Securities and Exchange Commission dia la benedizione ai primi ETF che investono direttamente in Bitcoin.

Bitcoin, la criptovaluta più grande, ha recuperato tutte le perdite accumulate dall’esplosione della stablecoin TerraUSD nel maggio 2022, che ha messo in moto l’ondata di fallimenti che alla fine ha contribuito a far crollare FTX.

Alcuni osservatori vedono un settore ancora afflitto da una speculazione dilagante e da tutele insufficienti. E ci sono ancora exchange che svolgono attività di intermediazione e sono accusati di mescolare le risorse dei clienti.

Ecco alcuni dei modi in cui il mercato delle criptovalute è cambiato dal crollo di FTX.

La diminuzione della liquidità nel mercato delle crypto

Il crollo di FTX, un tempo uno dei principali exchange di criptovalute per volume di scambi, ha peggiorato la situazione per un mercato che era già in disfatta da mesi. FTX è stato solo il culmine di un anno di collasso del credito crittografico. Ha ridotto drasticamente i profitti di trading facili e ha anche danneggiato lo staking, gli NFT e altre memecoin.

La leva finanziaria è scomparsa e molte persone hanno ritirato denaro dal sistema. Ciò ha contribuito ad indebolire la liquidità.

Venture capitalist e NFT

Durante i giorni esaltanti del 2021 e dell’inizio del 2022, i venture capitalist sono stati i più grandi sostenitori del settore, investendo miliardi di dollari in startup. Ma il crollo di FTX ha innescato una precipitosa ritirata. I finanziamenti delle criptovalute sono crollati del 63% a 2 miliardi di dollari nel terzo trimestre rispetto all’anno precedente.

I venture capitalist focalizzati sulla tecnologia si sono allontanati dalle criptovalute per concentrarsi su aree come l’intelligenza artificiale,

Le società di venture capital che hanno investito quasi 2 miliardi di dollari in FTX sono state oggetto di pesanti critiche per non aver individuato la frode. Sequoia Capital, Thoma Bravo e Paradigm si trovano addirittura ad affrontare un’azione legale collettiva da parte degli investitori di FTX che hanno affermato che questi venture capitalist hanno pubblicizzato la legittimità dell’exchange.

Mercato delle crypto

Uno degli angoli più colpiti è quello degli NFT. Il trading settimanale di NFT è la metà rispetto a quando FTX è fallita.

Mercato delle crypto – DeFi

Il crollo di FTX ha riacceso l’interesse per la finanza decentralizzata. Sebbene il valore totale delle criptovalute bloccate sulle applicazioni DeFi sia ancora in calo rispetto a un anno fa, negli ultimi mesi è aumentato.

FTX ha evidenziato il pericolo di mantenere le proprie risorse digitali su un exchange centralizzato. Gli ex utenti di FTX stanno ancora cercando di recuperare circa 16 miliardi di dollari di criptovalute rimasti intrappolati sulla piattaforma quando è crollata.

Regolamentazione del mercato delle crypto

Come nessun evento prima, il crollo di FTX ha risvegliato i governi di tutto il mondo sulla necessità di regole più rigorose attorno alle criptovalute. In breve tempo, la SEC e la Commodity Futures Trading Commission hanno intensificato la supervisione dei principali exchange centralizzati come Binance, Coinbase Global Inc. e Kraken.

A maggio l’Unione Europea ha adottato il regolamento sui mercati delle criptovalute, fornendo un nuovo quadro giuridico per il settore. Sia Hong Kong che Dubai hanno introdotto nuovi regimi normativi sulle criptovalute durante l’estate, impegnandosi a reprimere i comportamenti scorretti e posizionandosi come nuovi hub per il settore.

In questo articolo abbiamo visto cosa è accaduto al mercato delle crypto dopo il crollo di FTX, se vuoi rimanere informato su questi argomenti leggi il nostro blog aggiornato settimanalmente!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *