La scorsa settimana la Security and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti ha inferto un doppio colpo al mondo delle criptovalute avviando azioni legali contro Binance e Coinbase, le più grandi piattaforme di trading del settore.

Il giro di vite normativo ha fatto crollare le crypto. I token più piccoli hanno guidato la svendita con perdite a doppia cifra. Bitcoin e Ethereum hanno retto meglio. Vediamo adesso cosa sta accadendo nel dettaglio, perché la SEC ha proceduto in questo senso. 

Le accuse della SEC nei confronti di Binance e Coinbase

La SEC ha accusato Binance e il suo fondatore di aver gestito male i fondi dei clienti, ingannato gli investitori e le autorità di regolamentazione e infranto le regole sui titoli.

Binance ha difeso la sua piattaforma definendo l’azione della SEC “deludente” e affermando di essersi impegnata con l’agenzia in trattative in buona fede per risolvere la questione. 

Anche Coinbase ha contestato l’accusa della SEC di gestire un exchange illegale mentre agisce come broker e come agenzia di compensazione, tre funzioni che sono tradizionalmente separate.

Coinbase ha affermato di essere pronta a portare la battaglia legale fino alla Corte Suprema.

Nell’ambito delle cause legali, alcuni token sono stati contrassegnati come titoli non registrati.

Tale designazione è accompagnata da rigide regole di protezione degli investitori e potrebbe rendere i token più difficili da scambiare se gli exchange evitassero di elencarli per paura di essere presi di mira dalla SEC. Questa è una prospettiva che potrebbe causare non pochi problemi ai traders che utilizzano queste piattaforme per effettuare questa tipologia di scambi.

Coinbase intende portare il caso alla Corte Suprema 

La nuova causa della SEC contro Coinbase sembra meglio posizionata tra i casi del settore crittografico per consentire alla Corte Suprema degli Stati Uniti di decidere finalmente se le risorse digitali contano come titoli.

I fatti non sono particolarmente controversi e non c’è nulla di atipico negli asset di Coinbase. Pertanto, questo potrebbe essere un caso perfetto per considerare la miriade di questioni relative alla struttura del mercato delle crypto, racchiudendo tutte le questioni che dovrebbero essere considerate ai sensi delle leggi federali sui titoli.

Il caso di Binance è un po’ più complesso poiché include accuse di cattive azioni, dirottamento dei fondi dei clienti, commistione impropria di risorse ecc. La SEC prospera scovando questo tipo di atti negativi e, naturalmente, il ragionamento politico è che sta agendo per proteggere gli investitori e l’industria nel suo insieme.

C’è bisogno di un quadro normativo più chiaro

La mancanza di chiarezza normativa è il vero problema. Per rendere stabile l’industria delle criptovalute è necessario definire il quadro normativo. 

Il primo passo consiste nel definire una nuova serie di linee guida o standard su cosa sia e cosa non sia un titolo, magari con specifici riferimenti alle caratteristiche del settore crittografico, che sono diverse da tutto ciò che abbiamo visto prima.

L’elenco dei token digitali considerati titoli non registrati dalla SEC ora copre oltre $ 120 miliardi di criptovalute dopo le azioni legali contro Binance e Coinbase.

BNB di Binance, che ha un valore di mercato di 44 miliardi di dollari, la stablecoin BUSD, ADA di Cardano, SOL di Solana, MATIC di Polygon, FIL di Filecoin e ALGO di Algorand sono tra i token citati nella causa di Binance.

I token NEAR e i token ICP di Dfinity sono tra quelli citati nella causa Coinbase. 

Il presidente della SEC Gary Gensler ha affermato che Bitcoin, la più grande criptovaluta al mondo, non è coperta dalle regole sui titoli dell’agenzia. Tuttavia, è stato meno inequivocabile su Ethereum.

Cosa accadrà a Binance e Coinbase?

Nessuno può dire con certezza cosa accadrà a questi due grandi exchange nel futuro. Binance ha già affrontato una serie di ostacoli normativi negli ultimi anni, in particolare negli Stati Uniti. L’exchange è stato costretto a escludere gli utenti statunitensi dalla sua piattaforma a causa di problemi normativi e ha dovuto affrontare altre sfide da parte degli enti normativi di vari Paesi del mondo.

Tuttavia, questa nuova serie di accuse da parte della SEC potrebbe avere conseguenze ancora più gravi per la borsa. Binance potrebbe incorrere in multe salate e potrebbe anche essere costretta a chiudere del tutto se si scoprisse che realmente abbia violato diverse leggi.

Coinbase, invece, è una società quotata in borsa e ha molta più visibilità e trasparenza in termini di bilanci. Tuttavia, le accuse della SEC potrebbero avere implicazioni importanti per l’azienda. Il prezzo delle azioni di Coinbase ha già subito una battuta d’arresto in seguito alla notizia, e se si scoprisse che la società abbia violato le leggi sui titoli, potrebbe incorrere in multe e altre sanzioni. Vale la pena notare che le accuse della SEC nei confronti di Coinbase riguardano un prodotto specifico che la borsa offriva, e non il funzionamento complessivo della borsa.

Binance e Coinbase si sono impegnate a lavorare con la SEC per risolvere questi problemi, ma non è chiaro quale sarà l’esito. È possibile che entrambe le borse riescano a trovare un accordo con la SEC ed evitare gravi conseguenze, ma è anche possibile che questo sia l’inizio della fine per questi due importanti operatori del mondo delle criptovalute.

I trader dovrebbero tenere d’occhio questi sviluppi nelle prossime settimane e mesi, poiché potrebbero avere importanti implicazioni per il mercato delle criptovalute nel suo complesso.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *