L’uscita della Russia dall’ accordo sul grano, che consentiva il passaggio sicuro dei raccolti via mare dall’Ucraina, ha nuovamente alimentato le preoccupazioni per l’approvvigionamento e l’accesso globale al cibo.

L’accordo ha contribuito a moderare i prezzi del grano e dell’olio vegetale, che sono saliti alle stelle dopo l’invasione russa dell’Ucraina lo scorso anno.

I raccolti ucraini arriveranno comunque sul mercato attraverso altre rotte, ma i costi di trasporto più elevati potrebbero deprimere le prossime piantagioni di colture e ridurre quindi le forniture globali a lungo termine.

Perché l’Ucraina è così importante per i mercati alimentari globali?

L’Ucraina è il secondo paese più grande d’Europa per area e le sue vaste pianure di terreno sono ideali per l’agricoltura. Prima della guerra, l’Ucraina esportava più grano dell’intera Unione Europea e forniva circa la metà dei semi di girasole e dell’olio commercializzati a livello mondiale.

Anche nella stagione 2022-23, l’Ucraina è stata il sesto maggior esportatore di grano e il terzo di mais. Quando la stagione si è conclusa alla fine di giugno, le esportazioni di cereali dell’Ucraina sono state di oltre 48 milioni di tonnellate, quasi stabili rispetto alla stagione 2021-22.

accordo sul grano - mais ucraina

Come ha funzionato l’accordo sul grano?

L’accordo sul grano, firmato nel luglio 2022, ha riaperto tre dei porti ucraini del Mar Nero per le spedizioni di colture. Tutte le navi dovevano superare i controlli in entrata e in uscita presso un centro a Istanbul, gestito congiuntamente da Russia e Ucraina.

Nell’ambito dell’accordo sono state spedite quasi 33 milioni di tonnellate di prodotti agricoli, principalmente mais, frumento e semi di girasole.

Le spedizioni mensili attraverso il corridoio hanno raggiunto il picco di 4,2 milioni di tonnellate a ottobre, ma sono rimaste al di sotto dei 3 milioni di tonnellate da aprile in poi. Questo perché i tempi di ispezione sono diventati sempre più lunghi e la Russia ha bloccato le registrazioni delle navi in ​​uno dei porti. Prima della guerra, l’Ucraina esportava fino a 5 milioni di tonnellate di granaglie al mese.

I problemi con il patto hanno spinto più raccolti verso i piccoli porti fluviali del Danubio, oltre al transito ferroviario e stradale attraverso il confine dell’UE.

Il tonnellaggio spedito in questo modo ha effettivamente superato i volumi movimentati attraverso il Mar Nero, almeno a partire da maggio. Tuttavia, queste alternative sono più costose rispetto alla spedizione attraverso i porti dell’Ucraina.

Perché la Russia è uscita dall’accordo sul grano?

La Russia ha dichiarato di essersi ritirata dall’accordo perché gli ostacoli all’esportazione di fertilizzanti e cibo russi non sono stati rimossi. Questo nonostante il fatto che le esportazioni di grano russo abbiano raggiunto volumi record e quelle di fertilizzanti stiano tornando ai livelli prebellici.

Il ministero degli Esteri russo ha avanzato cinque richieste principali per mantenere l’accordo, tra cui:

La Russia ha affermato che tali richieste non sono state soddisfatte e che non ha visto progressi nella risoluzione di altri problemi con la logistica dei trasporti, l’assicurazione e lo sblocco dei beni.

Chi potrebbe risentire di più della fine dell’accordo?

Cina, Spagna e Turchia sono stati i maggiori acquirenti di prodotti alimentari ucraini spediti attraverso il corridoio sicuro del Mar Nero, ma anche paesi più poveri come l’Egitto e il Bangladesh hanno importato oltre un milione di tonnellate ciascuno nell’ambito del programma.

accordo

Le Nazioni Unite hanno sottolineato che le spedizioni nell’ambito dell’accordo aiutano ad aumentare le forniture globali e ad abbassare i prezzi, indipendentemente da dove viene spedito il grano. I prezzi globali del grano sono aumentati dopo l’uscita della Russia dall’accordo.

A lungo termine, se l’Ucraina potrà esportare solo attraverso rotte alternative, i costi per gli agricoltori del paese aumenteranno. Ciò potrebbe indurli a tagliare ulteriormente le piantagioni, con conseguente riduzione delle forniture. Non ci resta che vedere cosa accadrà nei prossimi mesi, questa scelta della Russia avrà sicuramente un impatto sull’economia dell’Ucraina ma questa decisione influirà anche su economie di altri Paesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *